Albidona Ieri Albidona Oggi - Cultura, Attualit, tutto su Albidona


Vai ai contenuti

Menu principale:


Giuseppe Rizzo

Arte e Cultura > Poesie su Albidona

Giuseppe RIZZO
Ricercatore

U Priene'i Mastr-Giuguann

Quann mi recglie nu pase,
tra u bar'i Costantne
e lla casa d'i Parse,
guargh nu priene siquilre
chi mi cunt gli fatt amre:
"aqqu s' bbrazzte, aqqu
s' date ll'rteme salte
u pvere surdte ch'
gghite na guerr ed' patte;
aqqu s' fermate llu migrant
quann' partte cu llu chiant".
Quist i llu Priene d'i ricuord
ca'a ssu' pase mi tnene ligte
cu lla cord.
Quiss llu Priene'i
Mastr-Giuguann
chi rresist da tant'ann.

Traduzione. Il "Prino di Mastro Giovanni". Quando ritorno in paese, / tra il Bar Costantino e la casa dei Parise, /
guardo un perastro secolare / che mi racconta storie amare: / "qui s' abbracciato, qui ha dato l'ultimo saluto / il povero
soldato che / andato alla guerra e vi ha perso la vita; / qui si fermato l'emigrante, / quando partito col pianto". /
18
Questo il "Prino" dei ricordi, / che mi tengono legato, con la corda, a questo paese. / Questo il "Prino di Mastro
Giovanni" che resiste da tanti anni.
Nota. "u Priene'i Mast-Giuguann", il pero selvatico di Mastro Giovanni, che si trova all'ingresso del centro abitato del
paese, quasi il "patriarca", il simbolo di Albidona.
"Mastro Giovanni" era un maestro artigiano dell'800. Si dice che possedesse un terreno, tra il cimitero e il quartiere
San Rocco e fosse stato proprio lui ad allevare questo albero, che non volle mai innestare a pero, perch essendo
vicinissimo al paese, i ragazzi non gli avrebbero mai permesso di raccogliere le pere mature: ecco perch gli albidonesi
lo immortalarono col nome di " u Priene'i Mastr- Giuguann". Qui avveniva, fino agli anni '50, il triste distacco dei
soldati e degli emigranti. (G.R.)

Com'a rundinella

Mi nni ire ssu' munn-munn
pi' ggir'a terr tunna-tunn;
com'a rundinell a primavre,
nu pase miie volre vog
stasre;
stasre, ca mmce'i rire,
g'hagg tant dispiecre !
Aqqu, on-cntene'i zicghe,
com'a Recoll e lla Timp'u
Pedascghe.
Nu pase miie volre vog,
stasre,
com'a rundinell a primavre;
pi' gghi'a vvde a cannte'e
llu ficugure,
a vriga'a sazizz e llu vuccugure;
e ppi' lla fa chi bon'ancre,
nu bicchire, m'u facre cu
ttutt'u core !
Volre danz nu Timpn'a
Gianniell,
pi' gguard quilu munn quat'
biell !
Nu pase miie volre vog stasre,
com'a rundinell a primavre;
ma j sungh nu cardill senza pinn,
e ddu pase miie sengh'u spinn !
(S. Demetrio Corone -5.feb.1968)

Traduzione. Me ne andrei per il mondo, / per girare tutta la terra, / come la rondinella a primavera, / al mio paese vorrei
tornare stasera; / stasera, che invece di ridere, / sento tanta tristezza. / Qui non cantano le cicale, / come nella Recolla e
alla "Timpa del "piede della scala" (i luoghi della mia infanzia). / Al mio paese vorrei volare, stasera, / come la
rondinella a primavera; / per andare a vedere la "cannata" e il focolare, / la verga della salsiccia e il "boccolare", / ma
per farla ancora pi bella, / un bicchiere lo berrei con tutto il cuore ! / Vorrei affacciarmi al "Timpone Gianniella"
(Forestacaccia), / per guardare quel mondo che cos bello !/ Al paese mio vorrei volare stasera, / come la rondinella a
primavera; / ma io sono un cardellino senza ali / e del mio paese sento solo nostalgia !

La terra deserta
(e la festa del grano)

Seguivo anch'io la compagnia dei mietitori;
gli uomini sfidavano il grande caldo
e scherzavano
posando la falce sulla spalla.
La "liganda" spezzava la fatica
con una canzone
al sole torrido di fine giugno.
Al mattino, mia madre portava sul capo
la grande scodella con l'insalata di cipolla;
per, a pranzo c'era la pasta con la ricotta
e pure un bicchiere di vino,
al fresco del vecchio pero del trisavolo.
Le formiche
si infilavano in un lunghissimo corteo,
rubandoci qualche chicco di grano
per l'inverno.
Alla trebbiatura, mio padre ci
faceva girare con i buoi
e poi spalava il grano sull'aia;
anche su di noi tornava la gioia
e cantavamo per la festa del grano.
A due passi,
sul ramo del grande leccio
non si stancava la cicala
a cantare il suo ultimo messaggio d'estate.
Anche noi cantavamo
nel deserto e nell'amarezza dei giorni,
come l'antico uomo
della terra d'Egitto, sulla riva del Nilo.
Ora penso a quei due vecchi
come siano riusciti
a consolarsi e a restare
in questa terra deserta,
senza maledire i figli
che scelsero la "fuga".
(14.2.1985)
(pubblicata su La Zanzara n.5/1988,p.3)


Nu pase miie ti dcene ca si brve si stie sane-sane comu trve

Nu pase miie ti dcene ca si brve si stie sane-sane comu trve;
si dcese semp sne-sne,
e sson pngese comea spine;

son fie semp litee guerr,
si tnesea vucca ntippte cu lla cuzzrr, gliucchie chise cu lla pce,
i mane nta sacchett ncrcee nnce.


Al mio paese ti dicono che sei bravo / se stai fermo e muto come la trave, /se dici sempre s / e se non pungi come la spina; / se non fai sempre liti e guerre, / se tiene la bocca tappata con un sasso, / gli occhi chiusi con la pece, / e le mani incrociate in tasca.


Home Page | Storia e Tradizioni | Il Comune | Arte e Cultura | Feste Folklore Tradizioni | Foto e Video Galleria | Attivit Economiche | Contatti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu