Albidona Ieri Albidona Oggi - Cultura, Attualità, tutto su Albidona


Vai ai contenuti

Menu principale:


Pasquale Paladino

Arte e Cultura > Poesie su Albidona

Pasquale Paladino
(contadino, operaio, emigrante)


Quant’è bella a terra native !

Quant’è bell la terra native,
ti viè’ llu desidèrie’a ddu’ ti tròve !
Votà nt’u paìse ve’ cch’è nate
que cch’u po’ gghi’a vvìde è llu viàte !
Mo’, quann viènene’aqquà, ssi Miricàne,
mo’ quanta preìzz, guòre nn’ane !
di fa na chiacchiriate ‘ndialett
e ddi cuntà tant e ttant fatt !
Quìglie chi ggàmene’a tradizione
chi ppàrlene cu nnuòie com’è vvicìne.
Mo’, venetèll’a vvìde ssu’ paìse,
da tann, ni cangiate tant cose !
Mo’ quann c’èrbe vuòie, tant’ann’arrière,
no ‘nsi gusàve ddi vive nt’u bicchière ;
ognùne staviè nt’a casicella vasc,
a ppède’u liett: od’u tinièll, od’ casc.
Mo’ tutt gane’a case a quattr piane,
e ttutt, ‘mpàre-‘mpàre, buòne stane;
mo’ tann cummannàvene’i chiù ricch,
mo’ ormàie, i cose si ni fatt’a ccricch ….
Ognì famiglie gade’i file studient,
mo’ tutt stane buòne’e ssu’ qquintient.
Ancòre’i facième quìglie sirenàte,
ancòre’ facième co’ navate,
e qquann’i fest, cu gli ghiminère,
‘nsapè si mi si viènede nt’u pinsière !?
Nnanzàme nu Timpòne’u Guirdiàne,
si vide ttutt’u munn sane-sane;
si vìde Vetrice ‘mpunt’a nnu timpòne,
Mìchere, a Dèstr’e llu Coppòne,
14
guardànne ‘nquista bann, nt’i vallìne,
u Cuàfere, a Defìse’e lla Menzàne.
Nnanzànne nu Timpòne’u Cuastiell,
a llà si vìde ttutt, oh quant’è biell !
Si vìde lla Lisàndrie mmiènz’a nna collìne,
si vìdene’i mintàgne di Pillìne.
Mo’ d’u Cuastiell, nu Timpòne’u Front,
i Brièsce pare ca gli’àie a ccu-cciaffront,
Mast-majòre’e ll’Arie’u Rancàre,
tiempe’i pisà, faciène ball’e suòne !
Si vìde Mustàreche ‘mpunt’a nnu Timpòne,
mo’ c’è lla strat’e cci na fane’i villìne.
O Miricàne chi gghiàtese nata-vote,
portiglietell’a ttutt gli salùte;
i fèrie com’è gli’avièse passàte
e dd’u paìse com’è ss’è trasformàte;
però, o-nni diciate gune pi’ nnàte,
ca nuòie volième ditt’a viritàte,
ca quann ni venùte ‘nfèrie gli’ate
u paisièll nuost nu criddicàte.
Jè no ddìche ca iè brutt o ca iè biell,
mi piàcede’i sta a stu paisièll.
A ggi iute ggirànn a tant part d’u munn,
ma o mmi ggi vuòste move màje deqquànne.
No ddìche ca jé biélle, fors’è cco’ gli’ate,
ma mi piàcede’i stà, ca’a qquà ggi nate.

Poesia Recitata da Pasquale PALADINO
Video a cura di Franco MIDDONNO


ALTRI CANTI

Traduzione. Quant'è bella la terra natìa, / te ne viene il desiderio dove ti trovi ! / Tornare nel paese dove sei nato, / chi
potrà andare a rivederlo è il più beato ! / Quando arrivano i nostri emigranti dall'Argentina, hanno tanta contentezza / di
fare una chiacchierata in dialetto / e di raccontare tanti fatti ! / Quelli che amano la tradizione / parlano con noi e sembra
che l'America sia vicina. / Ora, venite a vedere questo paese, / da allora (quando siete partiti voi) sono cambiate tante
cose ! / Quando c'eravate voi, tanti anni addietro, / non si usava bere nel bicchiere; / ognuno stava nella sua casetta
bassa, / si coricava ai piedi del letto, / vicino erano il tinello o la cassa. / Oggi, hanno tutti una casa a quattro piani, /
stanno quasi tutti bene. / A quei tempi comandavano i più ricchi, / oggi, ormai, le cose sono … cambiate, / ogni famiglia
ha i figli studenti, / ora stanno tutti bene e vivono contenti. / Facciamo ancora quelle serenate, / le facciamo ancora
come una volta, / e chissà se ancora ricordate quelle feste con le fiaccole e i falò !? /
Quando ci affacciamo al Timpone del Guardiano, / si vede il mondo intero ! / si vede Vetrìce sulla cima di un monte, /
Mìcari, la Destra e il Coppone. / Guardando da quest'altro lato, verso le Valline, / (si vedono) il Càfaro, la Difesa e la
Mezzana. /
Quando ci affacciamo al Timpone Castello, / di là si vede tutto, oh quant'è bello ! / Si vede Alessandria in mezzo a una
collina, / si vedono le montagne del Pollino. / Ora, dal Castello al Timpone del Fronte, / Plataci (il paese arberesh) ce
l'hai proprio di fronte, / Mastromaiòre e l'Aia del Rancàro: / al tempo della trebbiatura vi facevamo balli e suoni ! / Si
vede Mostarico sopra un'altura, / ora c'è la strada e ci faranno anche i villini. /
O Americani che partirete un'altra volta, / portate un saluto a tutti gli altri nostri compaesani ! / /fate sapere) come (qui)
avete passato le ferie, / e dite come s'è trasformato questo paese ; / però, non dite una cosa per un'altra, / noi vogliamo
sentire la verità, / perché quando sono venuti altri compaesani / hanno criticato il nostro paesello. / Io non dico se è
brutto o bello, / a me piace stare nel mio paesello. / Anch'io sono andato girando per tutte le parti del mondo, / ma non
ho voluto mai spostarmi da qui. / Non dico che è bello, / forse è come gli altri, / a me piace abitarci, perché sono nato
qui.

Home Page | Storia e Tradizioni | Il Comune | Arte e Cultura | Feste Folklore Tradizioni | Foto e Video Galleria | Attività Economiche | Contatti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu