Albidona Ieri Albidona Oggi - Cultura, Attualitŕ, tutto su Albidona


Vai ai contenuti

Menu principale:


Poesia e canti

Feste Folklore Tradizioni > San Michele

San Michele nella poesia e nei canti popolari albidonesi

Nella canzoncina popolare religiosa che ascoltavamo durante la processione del Santo Protettore, le donne che avevano mariti o figli in guerra, invocavano: “O san Michele arcangelo di Dio, aiuta i nostri soldati”.

San Michčghe’Arcŕngele
lu sbiannčnt
E San Michčghe’Arcŕngele lu sbiannčnt,
tu sei lu vere gŕngele di Dděe;
a sutt’u pede tene llu serpent,
la spate ‘mmŕne chi tt’č ddŕte Děe;
tčnese ssi vuguŕnz’a gghiustament,
mesůreme ll’ŕneme’e pportaglill’a Děe:
tann ll’ŕanima mčie sta ccuntčnt
quann’a věghe’a ssičreve’avant’a Děe;
Santěssime Sacramčnt tu sia lodŕte,
mň lla biŕta Včrgine Marěe,
nu giocatňre cient on-si perdič,
perd ll’ŕneme e llu cuorp di dannŕve;
scinn lla spate chi ttčnede’a Dděie,
stave ccom’a nna stŕtue’e cc’č rremŕse.
Santěssime sacraměnt tu sia lodŕte,
mo’ lla bbiŕta Věrgina marěe.


Dňne’aiůte’a gli nostr soldŕte
Questo brano veniva cantato, come preghiera,
dalle mamme e dalle mogli di Albidona,
durante la guerra del 1915-18 e nel secondo
conflitto mondiale.
Oi San Michčghe Arcŕngele di Děe,
tu si’ ll’aiůte’e lla speranza měe.
Oi San Michčghe Arcŕngele’i salůte,
done gli’aiůte’a gli nostr soldŕte.

Nota. Queste due canzoncine mi sono state dettate negli anni ’80, da Felicia e da Domenica Liguori


1968. “o San Michele che conosci guai e pene, rompi le nostre catene!

Quella di San Michele Arcangelo č una festa fortemente sentita nella comunitŕ albidonese ed’č pure ricca di contenuti culturali e religiosi. Ci sono degli atti di esterioritŕ, ma c’č anche una fede certamente autentica e sincera, seppure condizionata dai problemi personali ed esistenziali della classe subalterna.
Mi č sembrata una “violenza” fotografare quella mamma contadina (col figlio carcerato)che portava il “cinto” di grano sul capo, con i capelli sciolti sulla nuca, i piedi scalzi e che procedeva all’indietro, con le spalle verso la folla e col viso verso la statua di San Michele.
Purtroppo, gli spunti delle tradizioni popolari, culturali e storici, come le donne che portano “u
menzitůmmene” sulla testa, che pregano, danzano e piangono dinanzi al santo, appartengono a una societŕ tuttora precaria, tipica del nostro Sud. Forse non faremo piů a tempo per raccogliere questi frammenti di canti popolari e processionali di zia Maria e zia Felicia. Questa č pure una festa dove si invocano grazie e liberazione: “o San Michele che conosci guai e pene, rompi le nostre catene! “.
San Michele č visto come un guerriero, come un grande “generale” che protegge dal “maligno”, ma il suo sguardo senza sorriso, la sua spada e il suo piede sul ribelle e perdente Lucifero incutono anche soggezione e forte impressione.
Sě; c’č anche l’allegria della giornata, con i suoni dell’organetto, della zampogna e del tamburello: i falň e le fiaccole che si accendono nella tarda serata rappresentano soltanto una breve parentesi di sosta e di riposo. Ma domani, la gente tornerŕ ancora sui campi, con l’accetta e la zappa. Queste feste meridionali le ha vissute anche il poeta lucano Rocco Scotellaro. (giuseppe rizzo -8 maggio 1968)




A fest’i Sint-Michčghe
(8 maggio 1968)
A sčre d’a vějlie, sňnene’a ffest gli campŕne;
i sičntene da Mustŕreche e dd’u Pontŕne.
I cristiŕne těrene llu suspěre d’u funn’u core,
si facčne’u sěgn’i crůce e cchiŕmene’u
Protettňre.
A matěne d’a feste’i Sant-Michčghe,
i fičmmene chiů ggiůvene vŕne na chičsie cu
llu včghe;
ma c’č ze’ Rosa, pure c’ogn’č vestůte’a luss,
pňrt llu muccuatůre e llu pann-russ.
U sicristŕne scěnn dd’u chimpaněle pi’
gli scŕghe,
e dd’a port’a Mŕnch trŕse zi’ Pascŕghe;
caměne ddůce-důce, ppoggiŕte
dasup’u vett:
a sůie, č ll’ůrtema giachett di pannett;
č la giachčtt chi mmŕmm’e ttŕte
gli ni dŕte’ u iůrn chi ss’č sposŕte.
Quant feste’i Simmichčghe, tutt bičll
si ricňrde ssu’ viecchiaričll !
Mo’ zi’ Pascŕghe, g’ha ppůre’i novant’ann,
děce ca’ a gli tičmp sůie “ičre nna festa grann
!”
Simmichčghe ičr llu iůrn d’u Sant Protettňre
d’u paěse chi cchiamŕvene Montedňre.
Puň, quann Simmichčghe dŕnz nna
“Port’a minůte”, avŕnt’a case d’u Spiziŕle,
siměglie ppruňprie’a nnu ginerŕle !
U grěde’i Scepp’u Bičlle fŕce cchiŕng llu
paěse:
“Evvěve San-Michčghe, ca ič llu rrč d’u
Paravěse !”
Mo’, Simmichčghe u pňrtene ‘npricissiňne,
pass pi’ ttůtt’i věe d’Albidňne;

gh’ha lla corŕzz ‘mpiett tutta chěne’i gňre,
avŕnt, ci sůne’i suňne’i Ruňcch’u Gnňre;
zi’ Filěce’i Vicenzičll e zi’ Marěe’i Riběne
cŕntene’a chiů bella canzoncěne:
San Michčghe’arcŕngele lu sbiannčnt,
sutt’u pčde tčne llu serpčnt
...!
I fičmmene chi nni fatt’u vůte
bbŕllene’avŕnt’u Sant, cu llu minzitůmmene
‘ncŕpe:
“Simmichčghe canňsc guŕie’e pene,
sůgue ghěll po’ rrupp gli catčne;
O Sant-Protettňre, pňrt pace e bene a ssu’
paěse
e ffamm trŕse ‘nparavěse !”
Pure’a ccu pňrt lla bittěglie d’u liquňre
dasup’a
buffett
vo’ ddŕte ni’ pěcchie’i rett e llu rispett:
a chiŕmene “bběvera-sant” ssa gusŕnz,
quěglie chi ppňrtene’a stŕtue pěgliene’u
biccherěne
pi’ criŕnz.


Puo’, mint e nno mměnt’u sňle, si recňglie
llu Sant;
u Procuratňre face llu ‘ncŕnt:
pagůmm’e cuiněglie, gŕiene, crapičtt e gallěne,
sc/cch’i purtuguŕll, tarall, guňglie’e věne.
C’č lla můseche d’i banněstr, fěne’a
minzannott,
u fuňche’i llirtězie e ppůre’i bott.
A fest firněsc cu gli ghiminčre’e gli piňche
ca vane tutt’a vvŕmp e fuňche.
Navňte, i piňche, i tirŕvene cu gli vuňie’i fore,
mo’ i pňrtene cu llu cŕmie’e llu trattňre.
I ggivinott, bbŕllene attuňrn’u fuňche d’a
piňche,
cu ttimmirrěne’e gghirigančtt,
crimatěne, nata-vňte fňre, cu lla zapp e lla
gaccett.

Traduzione
.
La sera della vigilia, le campane suonano a festa; si sentono da Mostarico e dal Pontano; la gente tira un sospiro dal profondo del cuore e invoca il santo Protettore.
La mattina della festa di San Michele le donne piů giovani entrano in chiesa col velo sul capo, ma c’č zia Rosa, anche se non veste di lusso, indossa il fazzoletto sul capo e il “pannorosso” sulle spalle.

Il sagrestano scende dal campanile, attraverso le scale di legno e zio Pasquale entra in chiesa per la “Porta Manca”. Cammina lentamente, appoggiandosi a un bastone:
la sua č l’ultima giacca di pannetto; č la giacca che gli hanno donato i genitori nel giorno del suo matrimonio. Quante feste di San Michele, tutte belle, si ricorda questo vecchierello ! Ora, zio Pasquale ha pure i suoi novant’anni, e dice che ai suoi tempi, quella di San Michele “era una grande festa ! “
Poi, San Michele si affaccia alla “Porta piccola” della Chiesa, di fronte alla casa dello Speziale (oggi, case Pota e Mutto) e somiglia proprio a un generale ! Il grido di Giuseppe il bello (Paladino) fa commuovere tutto il paese: “Evviva San Michele, il re del Paradiso !”

San Michele era il giorno del Santo Protettore del paese, che una volta si chiamava Montedoro. Poi, quando il Santo lo portano in processione, passa per tutte le vie di Albidona.
Porta la corazza sul petto ed č carica di oro; davanti, ci sono le zampogne di Rocco
Rago; zia Felicia Liguori e Maria “Ruběno” cantano la piů bella canzoncina:
“o San Michele, arcangelo splendente, che sotto il piede tieni il serpente !”

Le donne che hanno fatto il voto ballano davanti al Santo, col cinto sul capo:

“San Michele conosce i nostri guai e le nostre pene e soltanto Lui puň spezzare le nostre catene; o santo Protettore, porta pace e bene a questo paese e fammi entrare in Paradiso !”Pure chi porta la bottiglia di liquore sul tavolinetto merita rispetto e attenzione: questa usanza la chiamano “bčvera santo”, perché i portatori della statua vengono ristorati
in maniera corretta.
Poi, quasi al calar del sole, il Santo torna in chiesa; il Procuratore della festa fa l’incanto: colombini e conigli, agnelli, capretti e galline, “scocche” di arance, taralli, bottiglie di olio e di vino.
Ci sono la musica della banda, che suona fino a mezzanotte, i fuochi d’artificio e pure i colpi di mortaretto. La festa finisce con le fiaccole e i pini che vanno tutti a fuoco. Una volta, i pini venivano tirati con i buoi della campagna, oggi invece, le trasportano col trattore.
I giovanotti ballano attorno al fuoco dei pini, con tamburello e organetto; domani mattina, andremo un’altra volta nei campi, con la zappa e con l’accetta.



Fonte: G. Rizzo

Home Page | Storia e Tradizioni | Il Comune | Arte e Cultura | Feste Folklore Tradizioni | Foto e Video Galleria | Attivitŕ Economiche | Contatti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu